IL SIGNORE HA FATTO COSE GRANDI PER ME

 

Mi chiamo Giovanni, ho 50 anni e vorrei raccontare la mia testimonianza di come ho conosciuto il Signore, affinchè questa possa essere d'aiuto a qualcuno che è alla ricerca della verità. Il Signore si è presentato per la prima volta nella mia vita circa all'età di 16 anni e fino ad allora avevo vissuto la mia fanciullezza come tanti giovani frequentando la parrocchia del mio paese e giocando a calcio. Mi ricordo che tutti i giorni ci si trovava per fare partitelle, divertirci e stare insieme e questa situazione andò avanti  per parecchi anni.

Nonostante avessi vissuto tanti  anni della mia giovinezza presso la chiesa e quindi in un ambiente religioso, non avevo mai sentito parlare in modo chiaro e diretto del Signore. Fu appunto all’età di 16 anni che per la prima volta, dei credenti mi parlarono di Gesù, e ricordo come il loro volto era radioso e avevano qualcosa di speciale che sul momento non riuscivo a comprendere, ma capii in seguito che era il Signore a dare loro questa gioia,con parole semplici iniziarono a parlarmi del Signore dicendomi che Egli aveva dato la sua vita sulla croce anche per me peccatore e che se avessi semplicemente creduto nel suo sacrificio Egli mi avrebbe perdonato dei miei peccati e avrei ottenuto la salvezza eterna dell'anima mia e soprattutto avrei potuto ottenere di nuovo la riconciliazione con Dio, interrotta dal peccato.

Tutte queste belle parole  per me erano incomprensibili e quando sentii la parola  peccatore non potevo mai credere che io lo potessi essere perché pensavo di essere un ragazzo modello, avevo ricevuto dei sani insegnamenti comportamentali verso gli altri, mi avevano insegnato il rispetto, l'amore, l'onestà, fare delle buone opere e tanti altri valori importanti per essere considerato una brava e buona persona, e questi sani principi sono sempre stati da me ricercati e curati e quindi mi sentivo a posto, ma alla luce della Parola di Dio venivo considerato un peccatore e capii ben presto che non era sufficiente essere delle brave persone e credere nell'esistenza di Dio, ma era necessario amarlo, farlo divenire il Signore ed il Salvatore della propria vita. Alcuni versetti chiave, a proposito del peccato, che mi hanno fatto molto riflettere dicevano che “tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Romani 3:23) e non c'è nessun giusto, neppure uno (Romani 3:10) e che il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore (Romani 6:23). Mi ricordo che fin dall'inizio ero incuriosito da queste argomentazioni e provavo un profondo e sincero interesse per le cose spirituali e volli approfondirle, fu cosi che piano piano iniziai a conoscere il Signore, leggendo semplicemente la Bibbia, e fare mia la Sua Parola; Egli si  fece conoscere, perchè quando trova disponibilità e apertura di cuore Egli si fa trovare, e mi fece realizzare fin da subito la gioia della salvezza e della vita eterna, iniziai a sentire una pace e una gioia nel mio cuore che fino ad allora non avevo mai avuto ed erano le stesse espressioni che avevano quei credenti che mi stavano parlando del Signore. Voglio ringraziare il Signore perchè mi ha dato la possibilità di poterlo conoscere personalmente senza farmi passare attraverso esperienze di vita negative quali potrebbero essere la droga, l'alcoolismo, la delinquenza ecc. Ora vivo una vita semplice ma felice perchè ho trovato un amico sincero che non mi lascia e non mi abbandona mai. Oramai sono passati 30 anni e posso dire che il Signore è stato sempre fedele e buono e un rifugio sicuro e sono orgoglioso di appartenere al popolo di Dio ed essere dal Signore considerato un suo figliolo, per me è un grande onore e privilegio ed è stata sicuramente la scelta migliore di tutta la mia vita.

Naturalmente prove, difficoltà e dispiaceri non sono mancati in questi anni di fede evangelica ma è proprio nella difficoltà che ho potuto sperimentare la potenza, l'amore e l'aiuto del Signore perchè sapere che il Signore vede tutto, sa tutto, può tutto, è presente nello stesso momento ovunque ed ha sotto controllo ogni cosa, questo mi ha molto consolato e dato la forza di sperare sempre nel suo aiuto.

Ho visto in tutti questi anni la potente mano di Dio aiutarmi e sostenermi; in breve ne racconto alcuni per far comprendere quanto il Signore è stato importante per me. Nel 1986 ebbi delle difficoltà al lavoro e desideravo si risolvessero per poter continuare a servire Il Signore, ricordo che feci di ciò oggetto di preghiera costante e dopo un po' di tempo si aprì una porta meravigliosa, Il Signore aveva risposto in modo straordinario alla mia richiesta ed esaudito il mio desiderio. Da questa esperienza ho potuto comprendere una cosa molto importante che vale sempre: e cioè che il Signore apre le porte se le nostre richieste hanno come obiettivo e finalità il miglioramento del nostro rapporto con il Signore stesso.

Nel gennaio del 1991 mi accadde un avvenimento molto triste riguardante mio padre, persona per me veramente speciale, ero molto affezionato a lui; ma, improvvisamente e tragicamente, mio padre morì. Questo avvenimento segnò profondamente la mia famiglia e la mia vita; ricordo che nello scoraggiamento più totale mi aggrappai al Signore, e come solo lui sa fare, seppe consolarmi con il suo amore e la sua presenza, Egli mi aiutò molto ad affrontare questa tragedia.

Di li a poco, un’altra terribile tegola si abbatté sulla mia vita, un serissimo e grave problema familiare; non trovavo nessuna via d’uscita e nessuna spiegazione a tutto ciò; credo che nessuno potrebbe superare da solo quel tipo di difficoltà; ma ancora una volta il Signore non mancò di consolarmi e di suggerirmi le azioni da intraprendere e quindi lo voglio ringraziare per il suo sostegno e aiuto e di come mi ha dato la forza necessaria per affrontare una situazione veramente insuperabile con la propria forza umana. Senza l'aiuto del Signore non so come avrei reagito.

Se volessi sintetizzare in breve la mia testimonianza, lo potrei fare con le parole del Salmo 126:3 “IL SIGNORE HA FATTO COSE GRANDI PER ME ED IO SONO NELLA GIOIA”

Caro amico, cara amica, che leggi questa mia testimonianza, possa il Signore benedirti e aiutarti a conoscerlo personalmente, e se gli aprirai il tuo cuore, ti farà scoprire le cose grandi e meravigliose che Egli può fare.

 

Giovanni Scanelli

 

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA ADI FERRARA   -    Via G.Pesci, 44122   FERRARA

www.adiferrara.it